venerdì 20 febbraio 2015

Polenta incatenata alla carrarina

La polenta incatenata è una antica ricetta della cucina povera, tipica dell'alta Toscana e della Lunigiana, e che quindi immancabilmente mi riporta indietro nel tempo e mi ricorda il profumo della cucina di mia nonna. Non posso perciò non dedicare questa ricetta, il cui nome è legato alla mia città di nascita (Carrara), alla memoria di mia nonna Cesarina, donna d'altri tempi, che sapeva cucinarla in modo eccellente, ma che soprattutto raccoglieva l'ingrediente principale, gli "erbi", con le sue mani, direttamente dalla campagna. I cosiddetti "erbi" non sono altro che le erbe commestibili che si trovano un po' ovunque nei campi e nelle zone a monte, tra cui l'aspraggine, il porro, la borraggine, l'acetosa, il  finocchio selvatico, il raperonzolo, il luppolo, la cicerbita, la pimpinella ecc. I miei nonni materni erano grandi esperti nella raccolta; al giorno d'oggi, invece, é diventato difficile trovare raccoglitori che sappiano cosa cercare, in compenso è più facile trovare gli erbi nei mercati di verdura. Se proprio non si riesce a trovarli, possono essere sostituiti con verdure e cavolo sminuzzati.



INGREDIENTI

  • 1 chilo di erbi
  • 300 grammi di fagioli borlotti, o di fagiolini dall'occhio
  • 500 grammi di farina di granturco
  • olio extravergine d'oliva q.b.
  • sale q.b. 
  • soffritto di aglio e cipolla q.b. (facoltativo)



PREPARAZIONE 

 In una pentola capiente far cuocere, in acqua salata, gli erbi e i fagioli fatti rinvenire una notte in acqua. Una volta cotti, togliere l'eventuale acqua di cottura in eccesso e iniziare a versare la farina, facendo attenzione a non formare grumi. Cuocere per almeno mezz'ora (la polenta deve raggiungere una densità leggermente superiore ad una crema), aggiungendo per ultimo il soffritto di aglio e cipolla (facoltativo). Servire in piatti singoli aggiungendo olio d'oliva extravergine a piacere. La polenta incatenata, a mio parere, è ancora più buona se conservata per il giorno seguente, tagliata a fette, riscaldata e servita con un filo d'olio a crudo e magari con una spolverata di pepe nero, proprio come la vedete nelle foto che corredano questo post! E se ancora per caso ne avanzasse, si puo' anche friggere in padella...mmmm....buon appetito!! Quanti ricordi....grazie Nonna Cesy!!

5 commenti:

  1. Sono estasiata di fronte alla meraviglia di questo piatto!! La tradizione ha sempre il suo fascino e non importa che sia un piatto povero, è assolutamente irresistibile.
    E' un piacere conoscerti, Francesca. Ti seguirò con piacere ^_^
    Buona domenica!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille Erica!!! Sono d'accordo con te: la cucina povera è una miniera di tesori da riscoprire!! Piacere di conoscerti, ti seguirò volentieri e inserirò il tuo blog tra i "siti amici"!! ;)

      Elimina
  2. Mi chiamo Giovanni, ci occupiamo di creazioni siti web dinamici, e-commerce, brand, Immagine, Design, restyling, comunicazione, un servizio globale per la massimizzazione dell'immagine aziendale...questo é CreaLAB!

    Visitate il nostro sito internet per visionare i nostri lavori.
    Siamo a sua disposizione per un incontro e per qualsiasi info, senza nessun impegno da parte sua..

    Grazie per l' attenzione a presto!

    Pagina facebook
    https://www.facebook.com/crealabagency

    Sito web
    http://crealab.altervista.org/

    RispondiElimina
  3. Ciao Francesca, il tuo blog è bellissimo!!! complimenti. Adoro queste preparazione che fanno fare un tuffo nel passato, ricordando e riproponendo semplici, sane e gustose ricette. La polenta incatenata non fa parte della mia tradizione culinaria, è da provare, sono troppo curiosa e sopratutto ghiotta di polenta :-)

    RispondiElimina
  4. Ciao Felicia, grazie per essere passata e grazie mille per i complimenti!! Anche io credo che le ricette di una volta, quelle delle nostre nonne, siano un tesoro da preservare!! Ho avuto la fortuna di avere una nonna che era anche una cuoca eccellente!!

    RispondiElimina